ProgettoWebFirenze

ProgettoWebFirenze

Da ormai oltre 10 anni combatto al fianco dei clienti la dura battaglia per l'indicizzazione dei loro siti web.

Dopo studi di economia e marketing, ho lavorato per qualche tempo presso una agenzia SEO di New York dove ho appreso i primi segreti, gioito per i primi successi e imparato dai primi fallimenti

Oggi, a distanza di qualche anno, ho fondato ProgettoWebFirenze, agenzia di produzione e indicizzazione di siti web a Firenze: tra sviluppatori, grafici, SEO e commerciali siamo ormai in molti e continuiamo a crescere.

Questo è il mio (nostro) blog dove raccogliamo notizie, consigli pareri e qualche sciocchezza sul argomenti come il web design, la SEO ed il web marketing in generale.

Ott 25
Pubblicato in Web Design Blog

Quali sono stati i maggiori trend UX del 2017?

Un termine che sta riscuotendo un crescente successo nell'attuale mondo tecnologico è Esperienza d'Uso. Meglio nota nella sua versione inglese come User Experience, da cui deriva l'acronimo UX, fa riferimento alle sensazioni provate da un soggetto quando utilizza un certo prodotto o usufruisce di un certo servizio.

Questa esperienza non si limita a un semplice giudizio generico, ma tiene conto di una molteplicità di aspetti appartenenti a diversi ambiti. Può riguardare, ad esempio, i valori affettivi attribuiti all'esperienza, la rete di significati intorno ad essa intessuti, le idee e percezioni associate al possesso fisico di un prodotto e all'interazione che si ha con esso e, non meno importanti, le opinioni circa la sua efficacia, efficienza e facilità d'uso, la qualità delle prestazioni e il soddisfacimento delle aspettative. Si tratta, pertanto, di un concetto soggettivo e cangiante, in quanto legato alle valutazioni e percezioni da parte degli individui.

Eppure, svolge un ruolo decisivo nel mercato, dal momento che le aziende impostano i propri obiettivi di business in modo da generare un'Esperienza d'Uso il più gratificante possibile.

Tale è l'importanza attribuita a questo fattore che le migliori aziende, tanto in Italia quanto in tutto il mondo, selezionano con cura i propri UX Designer, una nuova figura al passo con le tecnologie d'avanguardia e in constante evoluzione, capace di progettare marchi, prodotti, sistemi e servizi in chiave di un'ottima Esperienza d'Uso finale da parte del cliente. Scopo di questo articolo è analizzare i cambiamenti in ambito digitale avvenuti in quest'anno 2017 che si è appena concluso per prepararsi ai nuovi andamenti globali, propri di un settore esplosivo e in continuo sviluppo.

Quali sono state le principali tendenze di User Experience nel 2017?

Avremo ordinato tutti della carta igienica attraverso Alexa, non è vero?
Magari non proprio. Chiediamo allora agli esperti quali sono state le principali tendenze in fatto di User Experience nel corso del 2017.

Si tratta di contributi dedicati rispettivamente all'Esperienza d'Uso e alle soluzioni di design per l'inetrfaccia di applicazioni e siti web, alle strategie per migliorare l'esperienza del cliente e alla classifica delle migliori agenzie in campo digitale durante tutto l'anno 2017.

Non serve più specificare che si parla di Mobile

Will Grant, co-fondatore di Prodlytic:

Non vale più la pena menzionare il fatto che una risorsa sia Mobile, facile da usare e dal design efficiente. Ormai è un dato di fatto. Al giorno d'oggi, è implicito che ogni tecnologia sia efficiente e adattabile alla versione Mobile. Dopotutto, sarebbe un passo indietro se un'applicazione web non funzionasse su un dispositivo mobile.

Lo scossone nel settore bancario ad opera dell'Esperienza d'Uso

Matt Oxley, fondatore di DotLabel:

Uno degli sviluppi più notevoli dei concetti di Esperienza d'Uso ed Esperienza del Cliente durante il 2017 è stato lo scompiglio sofferto dall'industria finanziaria inglese, ancora appesantita da sistemi scomodi e antiquati.

Agevolata dalle nuove regolamentazioni in materia di Open Banking, alcune start-up piccole e dinamiche nell'ambito della tecnologia finanziaria, come Monzo e Atom, hanno potuto cogliere l'opportunità di offrire ai propri clienti soluzioni bancarie personalizzate.

Il successo di Monzo affonda le proprie radici nella comprensione profonda dei desideri, bisogni, frustrazioni e aspettative dei suoi clienti, così come nella flessibilità con cui ha costruito dal nulla un nuovo sistema.

Le nuove regolamentazioni, previste per l'inizio del 2018, permettono alle aziende autorizzate di condividere in tutta sicurezza i propri dati con banche ben avviate, fondamentalmente per offrire ai propri clienti un'ampia scelta di opzioni sicure che permettano loro di accedere ai propri dati finanziari ed effettuare transazioni. Anche se è molto probabile che le banche continueranno a gestire gli account dei clienti, rimane comunque significativo il progressivo affermarsi di nuove entità alternative, centrate sulle necessità degli utenti, magari tanto significative come Google o Facebook, capaci di conquistarsi clienti fino ad allora legati strettamente alle vecchie banche.

Interfaccia Vocale e Interfaccia Conversazionale

Andy Budd, Amministratore Delegato presso Clearleft

La popolarità di assistenti vocali del calibro di Alexa e Google Home ha portato a una crescita notevole della domanda di nuove competenze e funzionalità per le Interfacce Vocali e le Interfacce Conversazionali. Per questo motivo è nostra intenzione aiutare molti marchi a esplorare le possibilità delle interfacce utenti senza supporto grafico. Credo che nel giro di un anno molte aziende non si limiteranno più a condurre mere sperimentazioni ed esplorare potenzialità teoriche, ma inizieranno a sfruttare questi strumenti per migliorare in modo tangibile il servizio al cliente e la produttività dell'azienda stessa.

Riprendi da dove ti eri interrotto

Simon Nalley, designer di User Experience presso Bozboz:

Quest'anno è passato piuttosto in fretta tra le tante novità in materia di Esperienza d'Uso. Le tendenze più significative che abbiamo riscontrato qui a Bozboz comprendono esperienze di canali complementari tra loro che permettono di riprendere la propria esperienza dal punto preciso in cui era stata interrotta su un qualsiasi dispositivo. Basti pensare, ad esempio, a Netflix o Spotify, che con questa funzionalità permettono all'utente di continuare a guardare film o ascoltare musica quando vogliono e nella modalità che più gli aggrada.

L'avanzata irrefrenabile del digitale continua a essere assoluta

Operazioni di design

Andy Budd:

Un altro fatto per noi molto interessante è stato l'affermarsi delle operazioni di design come un modo di descrivere ciò con cui già da tempo aiutavamo i nostri clienti. Come suggerisce il nome stesso, le operazioni di design servono per rendere i gruppi di design più efficienti ed effettivi, con l'obiettivo di conquistare il mercato più rapidamente grazie a prodotti progettati e realizzati grazie a un lavoro impeccabile.

Ciò ha a che vedere con tutti gli aspetti dell'organizzazione, dallo sviluppo di nuove competenze, al miglioramento dei processi produttivi, dalla gestione della governance aziendale, fino alla creazione di strumenti specifici che consentano ai gruppi di designer di integrare molto più velocemente il loro lavoro in un codice di base condiviso. Questo concetto ha avuto origine in alcune aziende del settore tecnologico come AirBnB, ma da lì si è poi diffuso rapidamente. Pertanto per le aziende con grandi gruppi di designer, le operazioni di design sono destinate a esercitare un impatto ancora più forte nel 2018.

Il design piatto tiene duro

Will Grant:

Come tendenza generale, l'avanzata del design piatto continua senza sosta, facendo a meno di elementi superflui che non apportano nessuna evidente funzionalità.

Minimalismo e movimento

Simon Nalley:

Abbiamo anche notato una certa tendenza verso il minimalismo - che consiste nel rimuovere dall'interfaccia utente tutte quelle copie confuse e non necessarie per poter accelerare l'esperienza di utilizzo del dispositivo. Difatti, le soluzioni semplici e concise trasmettono i contenuti in modo funzionale come e quando richiesto.

Anche il movimento è sempre più apprezzato a livello universale, sia per quanto riguarda i video sia per quanto riguarda le interazioni funzionali. Grazie al movimento si genera un maggiore coinvolgimento e l'esperienza del cliente diventa molto più interessante.

Service design digitale

Andy Budd:

La crescita del service design digitale è stato un altro aspetto importante. A mano a mano che i servizi tradizionali diventano sempre più digitali e a mano a mano che i i servizi digitali si scardinano dall'ancoramento fisico a un prodotto, assistiamo a un bisogno crescente di mettere insieme tutti questi elementi diversi tramite un buon servizio. Di conseguenza, aumenta anche la domanda di manager del mondo Digital, di responsabili delle esperienze del cliente e più recentemente anche di responsabili delle operazioni, di persone che capiscano e osservino le nuove tendenze di design e i servizi tradizionali con una prospettiva digitale e tecnologica.

Cose utilizzabili...finalmente

Steffan Aquarone, responsabile dei report buone pratiche presso Econsultancy

Ho visto molti marchi tenere un buon ritmo per costruire qualcosa di veramente utilizzabile. Si tratta di una svolta fondamentale per me come consumatore, avvenuta proprio nel momento in cui mi ero ormai rassegnato ai prodotti tecnologici ingombranti di un'azienda per cui avevo lavorato per anni. E invece ho finalmente scoperto che ora hanno costruito qualcosa di veramente facile e piacevole da utilizzare.

Questo è quanto per la nostra rassegna sull'Esperienze d'Uso. Non resta altro che rimettersi alle previsioni degli esperti per questo 2018.

Feb 10
Pubblicato in Web marketing

La ricerca dei libri di Google ora include anche gli audio-libri

I risultati della ricerca mostreranno i libri disponibili sulle app degli audio-libri.
Google, quindi, ancora una volta viene incontro alle esigenze della propria utenza migliorando e ampliando la funzione di ricerca. Scopriamo insieme come.

Si respirava nell'aria da tanto questa novità, proprio per la grande attenzione che ultimamente la rete sta riservando agli audio-libri.

Ma con il 2018 è diventata una concreta realtà. Non poteva, quindi, mancare proprio il colosso dei motori di ricerca nel vasto panorama delle librerie virtuali con audio-volumi. Google, infatti, ha recentemente aggiunto un'opzione di ricerca audio-libro alla sua funzione più generica di ricerca dei libri. Fino a poco tempo fa, infatti, Google prevedeva solo la selezione per gli e-book classici, tralasciando qualsiasi forma di visualizzazione delle opzioni audio.

Ora, invece, se cerchi un titolo specifico per un libro, la funzione di ricerca dei libri di Google include un pulsante "Audio-libro" nella scheda "Prenota" che visualizzerà diverse piattaforme di audio-libri che offrono il titolo. Per ascoltare effettivamente l'audiolibro, gli utenti devono selezionare la loro app di audio-libri preferita fra le tante presenti sul web, sia a pagamento che gratuite. Al momento non sembra ci siano limitazioni sulle tipologie di app da utilizzare per l'ascolto degli audio-libri presenti nei risultati di ricerca ma non si esclude per il futuro specifici accordi di esclusiva con le case di produzione delle app.

Il sistema è molto semplice e veloce e, grazie alla tecnologia del motore di ricerca Google, sarà possibile avere in pochi minuti un elenco dettagliato degli audio-libri che sono a disposizione. Mentre i podcast riacquistano popolarità, molte persone rivolgono la propria attenzione agli audio-libri con rinnovato interesse.

La vita moderna, infatti, è sempre piena e caotica: gli audio-libri offrono un modo di leggere quando sei in movimento, riempiendo le ore di lavoro giornaliero o i tempi di stop in ufficio grazie all'ampia scelta di audio-libri presenti nella tua lista di lettura. Come mostrato nei tweet di Google, la sezione degli audio-libri presenta all'utente collegamenti utili alle app in cui è possibile acquistare l'audio-libro oppure ascoltarlo gratuitamente, come Audible, Google Play Books e Kobo.

L'elenco include un prezzo per poter scaricare il libro in modo da poter decidere subito se il costo può rientrare nel tuo budget. Google presenta poi anche una sezione in cui è possibile trovare i link attraverso i quali prendere in prestito l'audio-ebook, ovvero le biblioteche pubbliche che hanno il libro in magazzino attraverso le loro partnership per il download digitale. Se è passato un pochino di tempo dall'ultima volta che hai usato una tessera della biblioteca, preparati a rimanere sbalordito: molte biblioteche pubbliche permettono ai loro clienti di scaricare l'audio-libro gratuitamente sul proprio telefono per un periodo di tempo limitato.

L'aggiornamento della ricerca del libro è stato annunciato tramite il seguente tweet:

Annuncio di Google su Twitter sugli audiobook

Il 2018, quindi, si apre con una grande novità per quanto riguarda Google che è sempre più attento alle esigenze dei clienti che hanno la necessità degli audio-libri.

E questo mercato cresce sempre di più, ad un ritmo estremamente veloce soprattutto negli ultimi anni.

Se, infatti, fino a qualche tempo fa l'audio-libro era un prodotto che riguardava una ristretta nicchia di mercato in quanto si trattava di persone non vedenti oppure ipovedenti che non potevano utilizzare agevolmente i libri - trovando quindi negli audio-libri una soluzione ottimale per non rinunciare al piacere della lettura - oggi invece il mercato si è allargato sempre di più.

Cresce infatti il numero di soggetti anche normovedenti che prediligono gli audio-libri per una questione di comodità, così da poter continuare a leggere anche nei casi più estremi come alla guida dell'auto oppure mentre si stanno completando incarichi di lavoro e molto altro ancora. L'avvento della nuova funzionalità di Google che permette di visualizzare anche i risultati degli audio-libri nelle serp di ricerca viene a coincidere anche con un momento nel quale la diffusione di questi speciali libri è notevolmente aumentata, anche grazie alla disponibilità di molte case editrici ma anche di semplici appassionati del lettore che si prestano, spesso anche a titolo gratuito, alla registrazione di appassionate letture.

Nei diversi cataloghi a disposizione che Google riesce a indicare nelle sue ricerche si possono trovare sia i grandi classici della letteratura internazionale come, ad esempio, I Promessi Sposi, Delitto e Castigo e molto altro ancora, ma anche i nuovi best seller dell'editoria, quelli che promettono di diventare i successi del momento. A prestare la voce per gli audio-libri non solo attori specializzati ma anche semplici appassionati che si dilettano nella lettura espressiva.

Se queste sono le novità con le quali Google ha aperto il nuovo anno, c'è da chiedersi cosa altro dovremo aspettarci per i prossimi dodici mesi.

È chiaro a tutti, infatti, come il motore di ricerca stia anticipando i tempi buttandosi in questo nuovo mercato in apertura per riuscire a sbaragliare la concorrenza. Probabili nel prossimo futuro anche accordi commerciali fra Google e le case editrici per promuovere a prezzi scontatissimi gli audio-libri presenti nei risultati delle sue ricerche, così come già avviene per la vendita dei libri cartacei e degli e-book.

Gen 18
Pubblicato in Blog e consigli seo

SEO nel 2018: Ottimizzazione per la ricerca vocale

L'editorialista Bryson Meunier sostiene che, con un'attenta comprensione delle sfumature della ricerca vocale, i professionisti del marketing potranno migliorare il proprio lavoro per aiutare gli utenti a trovare esattamente quello che stanno cercando quando lo richiedono a voce.

John Mueller, analista dei trend webmaster di Google, recentemente ha richiesto feedback per scoprire come mai i webmaster si affidano al motore di ricerca per separare le query di ricerca vocale in Search Console. Se invece si desidera vedere le ricerche vocali in Search Console, allora conviene inviare il proprio feedback su Twitter come ha richiesto lo stesso Mueller.

Chi ha vissuto gli inizi del SEO mobile, sa perfettamente che molte persone ritenevano che il comportamento di ricerca mobile sarebbe stato completamente diverso da quello sul desktop, per poi scoprire che in gran parte è assolutamente simile. Da qui è comprensibile il motivo che spinge Mueller e altri a non capire perché gli utenti di Search Console vorrebbero vedere le query delle ricerche vocali separate dalle altre. Alcune query sono praticamente le stesse sia che vengano digitate in un computer sul desktop sia che vengano dettate dall'altra parte della stanza ad una homepage di Google.

Specificato ciò, esistono molti buoni motivi per volere i dati delle ricerche vocali. L'ottimizzazione per la ricerca vocale richiede alcune tattiche leggermente diverse da quelle per il SEO tradizionale. Avere una visione approfondita di queste query potrebbe aiutare a fornire un'esperienza migliore a quegli utenti che utilizzano la ricerca vocale.

Ecco tre motivi che possono convincere anche i webmaster più scettici dell'importanza dei dati della ricerca vocale:

1. MAGGIORE VISIBILITÀ SUGLI SNIPPET IN PRIMO PIANO

Una delle cose interessanti di Google Home è che quando risponde a una domanda con informazioni dal web, cita la fonte dell'informazione pronunciando il nome del sito web e invia spesso anche un link all'app Google Home di chi ha effettuato la ricerca.
Al momento, Google Home e Google Assistant rilevano snippet dai siti classificati in posizione zero a cui è stato concesso uno snippet in primo piano. Questo è il motivo per cui sempre più professionisti stanno ragionando sul come ottimizzare gli snippet in primo piano. Con una semplice ricerca dell'argomento proprio su Google, sarà possibile notare che il numero degli articoli scritti sull'argomento sia cresciuto di circa il 178% nell'ultimo anno.

rise of featured snippet optimization articles in 2017

L'analisi delle query di ricerca vocale potrebbero aiutarci a capire i tipi di query che presentano gli snippet in primo piano.

Gli esperti di marketing possono e devono dedicare tempo e risorse per fornire la risposta migliore per i frammenti di codice di uso più comune, nella speranza di ottenere la promozione in posizione zero.
Questa operazione aiuta anche gli esperti di marketing a dare credibilità al loro brand quando Google legge la loro risposta migliore all'utente che ha effettuato la ricerca, incentivando potenzialmente anche il traffico verso il sito dall'app Google Home. E questo aiuta anche lo stesso Google perché ne beneficia quando gli snippet in primo piano forniscono buone risposte e l'utente è soddisfatto dei risultati di Google Home.

Migliore è il servizio, più consumatori lo utilizzeranno e potenzialmente compreranno più unità di Google Home o telefoni Android perché penseranno che il servizio sia utile.

Se vengono rilevati snippet di elementi non validi perché nessuno tenta di eseguire l'ottimizzazione per queste query o se non vengono rilevati snippet in primo piano e l'unità di Google Home non è in grado di fornire assistenza in tale query, Google perde potenzialmente quote di mercato su Amazon nello smart speaker race e Apple nella personal assistant race. Quindi si tratta di un dare e avere.

Se Google vuole migliorare l'esperienza dei suoi utenti soprattutto nella posizione zero, occorre che i webmaster possano accedere ai dati delle ricerche vocali in Search Console.

2. UN MODO MIGLIORE PER SODDISFARE LA DOMANDA DEI CONSUMATORI E L'INTENTO DI QUERY BASATI SUL CONTESTO

Si è assistito a due eventi importanti nei primi giorni del SEO mobile quando si confrontavano le query desktop e quelle mobile.

Per prima cosa, gli utenti spesso utilizzavano le stesse parole chiave sia nella ricerca per dispositivi mobili che nella ricerca desktop; tuttavia, alcune parole chiave sono state utilizzate molto più spesso sulla ricerca mobile rispetto alla ricerca desktop (e viceversa).
Sono emerse intere nuove categorie di query quando i ricercatori hanno capito che il GPS e altre funzionalità della ricerca mobile potevano consentire loro di utilizzare query che non funzionavano nella ricerca desktop.

Un esempio del primo punto è una query come "orari di apertura", che ha un picco di volume quando gli acquirenti sono diretti verso i negozi:

mobile searches christmas day 768x480

Un esempio del secondo sono, invece, le query "vicino a me" che sono cresciute molto con la ricerca mobile e vengono utilizzate soprattutto sui telefoni cellulari.

near me search trends by device 768x480

La modalità di ricerca modifica, pertanto, il comportamento di ricerca in quanto i ricercatori comprendono quali tipi di ricerche funzionano bene sui dispositivi mobili ma non sul desktop.

Va ora considerato questo aspetto relativamente alla ricerca vocale. Esistono determinati tipi di query che funzionano solo su Google Home e con Google Assistant. "Parlami della mia giornata" è sicuramente uno di questi. Possiamo indovinarne anche altri, ma se avessimo la possibilità di accedere ai risultati delle ricerche vocali non dovremmo farlo.

Come e quanto sarebbe utile per gli esperti di marketing e i proprietari dei siti? Beh, è difficile dirlo con esattezza senza guardare i dati, ma bisogna considerare il contesto nel quale una persona potrebbe effettuare una ricerca vocale: ad esempio, guida verso il centro commerciale per acquistare un regalo e chiede a Google Home se il negozio in fondo alla strada è ancora aperto o meno.

Chi effettua la ricerca potrebbe pronunciare frasi come "a che ora apre il negozio X" oppure "Orari del negozio X" o, infine, fino a che ora il negozio X è aperto". Google dovrebbe prendere in considerazione tutte queste query ma in alcuni casi potrebbero esserci differenze significative fra il comportamento di ricerca vocale e il comportamento di ricerca digitato che influirà sul modo in cui il proprietario del sito ottimizza una pagina. Google sostiene che le ricerche vocali sono diverse in quanto è 30 volte più probabile che si tratti di query di azione rispetto alle ricerche digitate. In molti casi questi obiettivi non saranno perseguibili dal marketing, ma in alcuni sì.
Va compresa esattamente la differenza per modificare correttamente il nostro contenuto e connetterci con successo agli utenti.

Bryson Meunier ha analizzato attentamente ciò che la sua famiglia ha cercato su Google nell'ultimo periodo. Sono state riscontrate notevoli differenze fra le ricerche effettuare a casa e quelle con lo smartphone, quindi c'è motivo di credere che possano esserci nuove query nella ricerca vocale rilevanti per il marketing.

Sappiamo che ci sono domande, come "Ehi Google, parla con Dustin di Stranger Things" e "Acquista Lacroix Sparkling Water from Target", che daranno risultati completamente diversi nella ricerca vocale su Google Home e Assistant dai risultati della tradizionale ricerca. E queste query, come le query "ore di apertura", sono probabilmente ricercate molto più sulla ricerca vocale che nella ricerca tradizionale.

Il problema è, come possiamo trovare "vicino a me" della ricerca vocale se non abbiamo i dati delle stesse?

3. COMPRENDERE L'ESTENSIONE DELLA PUBBLICITÀ E IL POTENZIALE DI OTTIMIZZAZIONE PER I NUOVI MEDIA BASATI SULLA VOCE

voice search wont change in seo1

L'ultimo motivo per prestare attenzione alle query di ricerca vocale è probabilmente il più importante, sia per gli esperti di marketing che per Google.

Chiariamo meglio il concetto con un esempio concreto. Ultimamente si è sparsa la voce che i clienti volessero acquistare biglietti per eventi tramite comandi vocali, anche grazie alla diffusione di un sondaggio sull'argomento.
Un esperto di marketing e di SEO per un'azienda che vende biglietti on line potrà decidere di utilizzare queste informazioni per investire su azioni che migliorino l'esperienza di acquisto con comando vocale. Ma basterà davvero solo una voce di corridoio per convincere le aziende ad investire in questo settore?

Come nel caso della ricerca mobile nel 2005, non si sa quante persone stiano utilizzando la ricerca vocale in Google Home e Google Assistant, quindi non è possibile ancora sapere quanto sia grande l'opportunità o quanto velocemente stia crescendo. La ricerca vocale è nella fase "innovatori e early adopters" del ciclo di vita dell'adozione della tecnologia, e le ottimizzazioni fatte per questo settore non raggiungeranno probabilmente un pubblico vasto.

Dal momento che non si dispone di dati contrari da Google o Amazon, forse è più consigliabile investire in un secondo momento, quando l'impatto di questa tecnologia sul mercato significherà probabilmente un ritorno importante dell'investimento stesso.

Se si potesse entrare in possesso dei dati di Google, sarebbe possibile usarli per rendere più forte la possibilità di adozione e investimento precoci rispetto all'utilizzo dei soli dati di un sondaggio. Ad esempio, si potrebbe dire ai propri clienti "Guarda quante persone stanno cercando query con brand nella ricerca vocale e ottengono zero risultati! Investendo risorse nella creazione di un prototipo per Google Home e Ricerca Assistente, possiamo soddisfare le query di navigazione che al momento non vanno da nessuna parte e recuperare il nostro investimento". 
Invece, poiché non disponiamo di questi dati da Google, non è possibile rischiare. Google deve ancora monetizzare la ricerca vocale in modo significativo, ma quando la pubblicità verrà visualizzata su Google Home, questo tipo di analisi diventerà ancora più essenziale.

CONSIDERAZIONI FINALI

È possibile effettuare l'ottimizzazione di un sito senza conoscere quali sono le query vocali così come, allo stesso tempo, è possibile effettuare un'ottimizzazione mobile senza conoscere le query specifiche.
Tuttavia è evidente come le sfumature della ricerca vocale aiuteranno sia Google che gli esperti SEO a realizzare un lavoro migliore e un'esperienza di ricerca vocale positiva per tutti gli utenti che lo desiderano.

Gen 09
Pubblicato in Blog e consigli seo

Tendenze SEO nel 2018: cosa prevedono gli esperti?

Cosa accadrà nel 2018 che può aiutarci a superare l'incubo distopico senza fine del 2017? Cerchiamo di capire quali sono le tendenze che gli esperti del settore prevedono per il nuovo anno.

MARKETING LOCALE Andrew Girdwood, responsabile media technology di Signal, ritiene che nel 2018 assisteremo ad una svolta di Google verso il marketing locale. Questo probabilmente si tradurrà in un miglioramento di Google Local ma anche nel ricorso ad un uso esteso di test con coupon e codici in PPC.

MIOPIA ORGANICA?

Secondo Will Critchlow, fondatore e CEO di Distilled, c'è un'opinione comune che è cresciuta nel corso del tempo.

Questa opinione in parte è frutto dei cambiamenti del mercato e della regolamentazione che c'è stata nel corso del 2017 e in parte dovuta al cambiamento radicale dell'interfaccia utente. Secondo questa opinione comune, Google sarebbe uscito dal mercato mobile, rendendo sempre più difficile per i siti ottenere traffico organico dal motore di ricerca e facendo sì che sempre più click raggiungano invece gli annunci e le proprietà di Google. In quest'ottica secondo Critchlow nel 2018 sempre più brand abbandoneranno gli investimenti in ricerca organica, ottenendo un notevole danneggiamento sul lungo periodo.

I dati che si possono ricavare da Clickstream, invece, ci dimostrano come sia facile dimenticare il long tail e quanto le funzionalità di ricerca e gli annunci si trovino proprio nell'estremo long tail:

  • solo il 3-4% delle ricerche genera poi realmente un click su un annuncio. L'incredibile attività di Google, che è poi in continua crescita, si basa su un piccolo sottoinsieme di ricerche commerciali;
  • la quota di Google di tutto il traffico di referral in uscita sul web è in costante crescita, mentre le dimensioni del traffico di Facebook si stanno riducendo mano a mano che Google guadagna terreno in questo campo.

I brand lungimiranti hanno quindi l'opportunità di capitalizzare l'investimento puntando su questa crescente tendenza mentre le aziende che hanno puntato su Facebook e sui pay-to-play sono destinate a perdere tempo e denaro. Secondo Will Critchlow sarà proprio questa la tendenza più evidente del 2018.

VOICE-A-GEDDON?

Illuminante il parere di Sophie Moule, responsabile marketing della società Pi Datametrics. Secondo questa esperta negli ultimi periodi alcuni grandi marchi si stanno svegliando e si stanno rendendo conto che mentre l'attenzione si sposta dal gioco delle keywords alle ricerche vocali, in modo esponenziale e drastico cambiano sia le SERP che i contenuti prodotti.

Dopo il Mobile-Geddon stiamo dunque assistendo ad un Voice-a-Geddon? I brand sono pronti ad affrontare tutto questo? In che modo colossi come Google e Amazon risponderanno a queste tendenze? La posizione uno sarà la nuova pagina? E in che modo gli inserzionisti reagiranno a tali cambiamenti? Il traffico organico sarà considerato sempre più importante?

Quale sarà l'impatto commerciale per coloro che sono preparati rispetto a tutti quelli che non lo sono? Mike Jeffs, direttore commerciale di Branded3, è sicuro che nel 2018 assisteremo a più misure di conversazione UX e a ricerche vocali. Nelle sue previsioni Google creerà un Analytics per i comandi vocali, oltre che un modo per misurare gli utenti e i modelli di conversazione più comuni. Questo il possibile schema di conversazione fra l'utente e Google:

Utente: oK Google, dimmi che film stanno mostrando a Leeds stasera
Google: oK Mike, i film sono X Y & Z
Utente: parlami di Y
Google sinossi per Y è ...
Utente: prenotami qualche biglietto per Y stasera
Google: fatto

Questo esempio potrebbe misurare i tassi di conversione dai dispositivi di Google Home, identificando la percentuale di quanti degli utenti che hanno chiesto la sinossi di un film procedano poi effettivamente con l'acquisto del biglietto.

DATI E PRIVACY

Andrew Girdwood pensa che si assisterà ad una maggiore e continua attenzione alla protezione dei dati e della privacy.

Questa attenzione in particolare si manifesterà con il GDPR e le nuove norme della Comunità Europea sulla privacy e la sicurezza dei dati (bisognerà poi capire se la Gran Bretagna, in vista della Brexit, aderirà o meno alle nuove regole).
Proprio per rispettare queste regole, sempre più Governi saranno interessati alla crittografia e opteranno per una legislazione che riesca ad essere al passo con la tecnologia sempre più veloce.

Rispetto alle strategie SEO, questi nuovi scenari sono importanti perché alcune delle pratiche di analisi dei dati utilizzate dai più grandi brand inglesi e statunitensi sono sul filo del rasoio rispetto alle nuove regole imposte dalla UE.

Di un parere molto simile è anche David Smith, direttore operativo di Branded3.
Secondo questo esperto il GDPR renderà la vita molto più difficile alle agenzie SEO perché c'è un concreto e maggiore rischio di condivisione delle informazioni di identificazione personale come il PPC, l'email marketing etc etc.
Il nuovo regolamento di E-privacy potrebbe avere un impatto enorme su strumenti di analisi come Google Analytics ma effettivamente è ancora troppo presto per poter fare una previsione certa.

UX PIÙ VELOCE E INCENTRATA SU GOOGLE

Tim Grice è invece sicuro che verranno fatti ulteriori passi da gigante verso una rete mobile più veloce. Funzioni che ti consentono di accedere ai prodotti, informazioni sui servizi, etc, tutte cose che verranno fatte tramite la ricerca vocale di Google. Ci sarà meno dipendenza dai collegamenti, con un'attenzione maggiore verso sentimenti e menzioni.

GUERRA PER IL SALOTTO

Andrew Girdwood scommette sul fatto che il 2018 sarà l'anno nel quale i grandi brand di tecnologia si daranno guerra per conquistare il salotto.

Questo si manifesterà attraverso un sempre più massiccio ricorso ad hardware e software che permetteranno di collegare la televisione al web ma anche grazie al ricorso di assistenti personali come Alexa oppure addirittura alla VR, la realtà virtuale che per il momento sta prendendo piede soprattutto nell'ambito dei videogiochi e delle consolle.

Probabilmente i progressi non saranno particolarmente veloci in questo settore ma sicuramente la pubblicità sarà la prima a farne ricorso.

Gen 30
Pubblicato in Blog e consigli seo

Obiettivi SMART per SEO

Come si possono impostare obiettivi SEO aggressivi ma realistici per questo 2018 appena iniziato? L'editorialista Marcus Miller spiega quali sono gli obiettivi SMART e come applicarli alle tue campagne SEO.In questi primi giorni del 2018 molti SEO inizieranno a guardare al futuro e fisseranno alcuni obiettivi per le loro campagne dei prossimi 12 mesi. In questo post proveremo ad illustrare le metodologie degli obiettivi SMART che possono aiutare ad ottenere dei risultati aggressivi ma degli obiettivi realistici. 

Dic 20
Pubblicato in Web marketing

7 suggerimenti di Google per potenziare i tuoi annunci di vendita

Gli annunci Shopping servono a promuovere tutto il vostro inventario sia esso digitale e online o fisico e locale.

Qui di seguito scoprirete sette modi semplici e veloci che vi permetterano di riuscire a ottenere il massimo dalle vostre campagne online. Gli annunci shopping (meglio noti come shopping ads in lingua inglese) sono strumenti di marketing davvero fantastici e continuano a migliorare sempre di più.

Se siete impegnati a cercare di ottenere il massimo dalle vostre campagne shopping, ci sono alcune semplici azioni che potete intraprendere.
Molte di queste funzionano e sono note fin dagli esordi delle campagne stesse, quando correva l'anno 2013, mentre altre sono decisamente più nuove e recenti. Siete pronti? Allora iniziamo!

Dic 20
Pubblicato in Blog e consigli seo

Successo web = SEO + UX

Nei tempi passati, il SEO era di semplice utilizzo: per trovarsi al primo posto nei motori di ricerca bastava infatti riempire una pagina di parole chiave (keyword) e il gioco era fatto.

Oggi purtroppo non è più così, in quanto sia Google che gli altri motori di ricerca prendono in considerazione, prima di decidere quali pagine collocare ai primi posti, altre centinaia di fattori. 

Ciò significa che gli elementi dell'esperienza utente sono stati inseriti tra le migliori strategie SEO e ora bisogna porsi domande: quanto è facile navigare su un determinato sito web? Il suddetto dispone di contenuti che incentivano i visitatori a rimanervi? È infine sicuro, mobile friendly (navigabile dai siti mobili), carica i contenuti in modo rapido e veloce?
Se la risposta è no anche a uno solo di questi quesiti, bisogna immediatamente attivarsi per migliorare le potenzialità del proprio sito Internet.

Dic 18
Pubblicato in Blog e consigli seo

8 semplici modi per utilizzare un blog per migliorare i risultati SEO del vostro sito

Vi siete mai chiesti se il vostro blog riesce a sfruttare al massimo tutto il suo potenziale? Se la risposta a questa domanda è no o se semplicemente nutrite qualche dubbio al riguardo, keep calm e continuate a leggere perché ora passiamo a fornirvi qui di seguito alcuni importanti consigli che vi illustreranno come riuscire a guadagnare semplicemente, in chiave SEO, attraverso una gestione corretta del vostro blog. Cominciamo a dirvi che SEO è l'acronimo di Search Engine Optimization: nel linguaggio di internet fa riferimento a tutte quelle attività intraprese per migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca (ad es. Google, Yahoo!, Bing, Yandex, ecc...) Eccovi quindi 8 semplici modi per utilizzare un blog per migliorare il piazzamento del vostro sito nei motori di ricerca.

Sembra proprio che oggi giorno ogni azienda che si rispetti o meno abbia un proprio blog. Però è altrettanto vero che solo pochissime tra queste riescono a sfruttare pienamente i propri contenuti massimizzando i risultati Seo. Qui di seguito trovate alcuni semplici consigli che vi aiuteranno a migliorare la visibilità, il traffico e la posizione nei risultati di ricerca del vostro blog.

Nov 20
Pubblicato in Web Design Blog

Ottimizzare la velocità di caricamento del tuo sito

Anche se non sappiamo in che misura la soddisfazione dell'utente sia importante per gli algoritmi di Google, sappiamo con certezza che Google da sempre cerca di rendere felici i propri utenti. Molti specialisti SEO sono d'accordo con l'idea che una navigazione fluida e delle buone strategie SEO siano le chiavi per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti.

In questo articolo, ti darò alcuni suggerimenti sull'ottimizzazione della user experience e delle strategie SEO che possono migliorare la classificazione del tuo sito fra i risultati di ricerca di Google. Ecco nel dettaglio gli argomenti che tratteremo nel corso del post:

  • Come aumentare il tempo trascorso dagli utenti su un sito
  • Come migliorare la velocità di caricamento delle pagine 
Nov 16
Pubblicato in Blog e consigli seo

SEO: i 4 pilastri della tua strategia di posizionamento

L'ottimizzazione per i motori di ricerca, spesso abbreviata con la sigla SEO, può essere complicata, anzi a volte può rivelarsi addirittura troppo complicata. Per osservare tutti i parametri necessari per rientrare nei ranking del punteggio SEO, occorre attenersi a quattro pilastri fondamentali da rispettare. In questo articolo i quattro pilastri saranno semplificati, in modo da comprendere come il SEO possa rivelarsi un aspetto realmente facile se si segue una strategia correttamente delineata e ben definita.

I quattro pilastri SEO che chi possiede un sito web dovrebbe prendere in considerazione sono: 

  1. SEO Tecnico: come i contenuti di un sito possono essere indicizzati al meglio.
  2. Contenuti: avere a disposizione le risposte più rilevanti ed interessanti riguardo a specifiche richieste. 
  3. SEO On-site: L'ottimizzazione dei contenuti e del codice HTML.
  4. SEO Off-Site: garantirsi un'autorizzazione di sicurezza così che Google possa favorire la registrazione del sito nel motore di ricerca.

Vuoi avere informazioni? Lasciaci il tuo contatto.

Veniamo noi da te!

Riempi tutti i campi
Grazie, ti richiameremo appena possibile
* Le tue informazioni personali sono protette. Leggi la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni

logo bianco

Agenzia web per la creazione di siti internet a Firenze.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi web, sui nostri piani di gestione di web marketing e su tutto quello che facciamo, contattaci quando vuoi e saremmo ben lieti di dare una risposta a tutte le tue domande.

Ma per cortesia, evita di copiare i nostri contenuti creativi: sono stati reati nel tempo con fatica e passione. Se hai una agenzia web tutta tua e stai cercando ispirazione contattaci e saremmo ben lieti di aiutarti. Ma non copiare. Il copyright è una cosa seria.