Come si muove il mercato russo nei confronti delle novità dei motori di ricerca

Come si muove il mercato russo nei confronti delle novità dei motori di ricerca
Oct 18 Scritto da 
Pubblicato in Blog e consigli seo
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'esperto del settore Brendan McGonigle ha recentemente realizzato uno studio analitico per capire come si muove il mercato russo rispetto alla recente decisione di Google di conformarsi alla legge sulla concorrenza russa. Dopo mesi di negoziati, ecco come cambia lo scenario del mobile. 

Il mercato russo, si sa, è particolare e soprattutto si muove su regole e normative ben diverse da quelle che regolano il resto del mercato occidentale. Il FAS, ossia il Federal Antimonopoly Service della Russia, ente statale che legifera, tra l'altro, in materia di concorrenza sleale, ha stabilito nel 2015 che, in base al suo regolamento sul monopolio, Google ha violato ripetutamente la legge sulla concorrenza russa, causando tra l'altro un grave danno all'economia nazionale. In particolare, la FAS accusa il motore di ricerca di aver impedito ai produttori di telefonini russi di preinstallare le applicazioni dei concorrenti, richiedendo (e quasi obbligando) agli stessi produttori di preinstallare esclusivamente le applicazioni selezionate da Google su Android in cambio dell'accesso al Google Play Store.
In un primo momento, Google ha negato ogni accusa, chiudendo le porte a qualsiasi negoziato. Ma la situazione è andata avanti con un inutile braccio di ferro senza arrivare ad alcuna soluzione. Finalmente, il 17 aprile 2017, però, dopo quasi venti mesi di serrati negoziati, è stato raggiunto un accordo fra il governo russo, rappresentato dal Fas, e i vertici del motore di ricerca statunitense Google. 


Secondo il comunicato stampa emanato dall'ufficio comunicazione del FAS, Google non richiederà più l'esclusiva delle sue applicazioni sui dispositivi Android in Russia. Pertanto, Google sarà tenuto a non limitare in alcun modo la pre-installazione di tutti i motori di ricerca concorrenti oppure le applicazioni, anche sulla schermata iniziale predefinita. Inoltre, Google dovrà anche astenersi dallo stimolare la pre-installazione del sui motore di ricerca come unico o principale motore di ricerca generale. Un successo completo del governo russo che aveva in mano le carte per nuocere in modo molto pesante sugli affari del motore di ricerca. Ma la vittoria del FAS non si limita solo a questo. Infatti, sempre nel comunicato stampa si legge che Google si impegna anche a realizzare una finestra di scelta attiva per il browser Chrome. Con il successivo aggiornamento del software rispetto al comunicato stampa, questa finestra ha dato la possibilità all'utente di scegliere il motore di ricerca che intende installare o utilizzare. L'aggiornamento è datato agosto 2017 e ha cambiato immediatamente le carte in regola nel panorama del web russo ma anche internazionale. 


Poiché la Russia è la patria di una grandissima fetta di utenti web, una delle più grandi al mondo, è evidente che l'accordo raggiunto ha un impatto molto importante sul mercato, in particolare sulle strategie di promozione degli inserzionisti. Negli ultimi anni, infatti, il mercato russo ha assistito ad un notevole incremento delle campagne di pubblicità e promozione dei brand occidentali, quindi è importante capire come si rivoluzionerà il mercato alla luce di queste novità.


Secondo la piattaforma di tracking Yandex.Radar, Google è in possesso del 56% di accessi su dispositivi Android. Questa quota è calata di circa il 3% da quando è stata introdotta la finestra di scelta. Non è una coincidenza che la percentuale persa da Google sia, invece, stata guadagnata proprio da Yandex.


Molti considerano la Russia come un mercato prevalentemente desktop ma, in realtà, secondo l'articolo molto originale e formativo di Greg Sterling, Android è leader di mercato e presente in quasi tutti i dispositivi mobile. Quindi l'impatto che si ha con lo spostamento di una parte degli utenti Android ad altri motori di ricerca è in grado di influenzare anche non solo le quote di ricerca totali ma soprattutto le decisione di investimento degli inserzionisti. Grazie alla possibilità che oggi l'utente ha di selezionare il motore di ricerca che intende usare, si sono modificati gli equilibri che prima regolavano i rapporti tra Google e gli altri motori di ricerca. Se, infatti, una realtà come Mail.ru continua a conquistare bassissime quote di mercato, Yandex invece - che da sempre si configura come concorrente diretto di Google - è riuscita a strappare piccole percentuali di utenti. Abbiamo, infatti, un incremento di circa 2 punti percentuali su desktop e tre sul mobile. Sembrerebbero numeri irrisori ma se si valuta che la Russia è un paese di oltre 100 milioni di utenti, un'oscillazione di due o tre punti ha un impatto significativo, soprattutto sulla portata dei consumatori. 


L'ecosistema del digitale in un paese come la Russia si sta evolvendo ma la penetrazione del digitale e del mobile resta notevolmente indietro, soprattutto se paragonato a mercati molto più maturi come quello degli Stati Uniti ma anche dell'Italia, solo per citarne alcuni.

Non sorprende, poi, che in Russia - così come accade già anche nelle altre nazioni - la penetrazione di internet e del web sia diffusa soprattutto nella fascia di età che copre i soggetti fra i 13 e i 17 anni. Poiché si tratta di un target particolarmente giovane, è ipotizzabile anche che la penetrazione degli smartphone possa subire nel prossimo futuro una consistenze impennata.
In quest'ottica, l'accordo raggiunto tra il FAS e il colosso della ricerca Google assume un significato assolutamente diverso, che non può non essere tenuto in considerazione da parte di tutti i brand occidentali e non che decidono di investire nel mercato del consumo russo.

 

Etichettato sotto :
84 Ultima modifica il %PM, %18 %817 %2017
ProgettoWebFirenze

Da ormai oltre 10 anni combatto al fianco dei clienti la dura battaglia per l'indicizzazione dei loro siti web.

Dopo studi di economia e marketing, ho lavorato per qualche tempo presso una agenzia SEO di New York dove ho appreso i primi segreti, gioito per i primi successi e imparato dai primi fallimenti

Oggi, a distanza di qualche anno, ho fondato ProgettoWebFirenze, agenzia di produzione e indicizzazione di siti web a Firenze: tra sviluppatori, grafici, SEO e commerciali siamo ormai in molti e continuiamo a crescere.

Questo è il mio (nostro) blog dove raccogliamo notizie, consigli pareri e qualche sciocchezza sul argomenti come il web design, la SEO ed il web marketing in generale.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Vuoi avere informazioni? Lasciaci il tuo contatto.

Veniamo noi da te!

Riempi tutti i campi
Grazie, ti richiameremo appena possibile
* Le tue informazioni personali sono protette. Leggi la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni

logo bianco

Agenzia web per la creazione di siti internet a Firenze.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi web, sui nostri piani di gestione di web marketing e su tutto quello che facciamo, contattaci quando vuoi e saremmo ben lieti di dare una risposta a tutte le tue domande.

Ma per cortesia, evita di copiare i nostri contenuti creativi: sono stati reati nel tempo con fatica e passione. Se hai una agenzia web tutta tua e stai cercando ispirazione contattaci e saremmo ben lieti di aiutarti. Ma non copiare. Il copyright è una cosa seria.