L'indicizzazione mobile di Google è salpata. Sei a bordo? 5 elementi essenziali SEO

L'indicizzazione mobile di Google è salpata. Sei a bordo? 5 elementi essenziali SEO
May 11 Scritto da 
Pubblicato in Blog e consigli seo
Vota questo articolo
(0 Voti)

Abstract

Abbiamo sentito parlare di indicizzazione mobile per tanto tempo e ora finalmente i cambiamenti sono qui. L'esperto del settore Jim Yu condivide con noi cinque modi in cui i webmaster possono ottimizzare i contenuti e gli elementi tecnici in loco per avere successo nel nuovo mondo mobile.

Dopo un'attesa relativamente lunga, Google ha iniziato a pubblicare il suo indice Mobile First. Annunciato nel 2016, l'indice Mobile First è una risposta diretta a uno dei cambiamenti più significativi nel comportamento dei consumatori negli ultimi anni: l'avvento degli smartphone. L'anno scorso, la ricerca ha rivelato che i dispositivi mobili rappresentano il 57% di tutto il traffico, quindi era ovvio che Google avrebbe iniziato ad utilizzare un software per eseguire la scansione e l'indicizzazione dei contenuti mobile. L'obiettivo di Google è quello di lanciare questo indice in tutto il mondo, in una mossa che vedrà il gigante della ricerca accedere alla versione mobile di un sito web per indicizzare e classificare i contenuti. Anche se un utente esegue la ricerca su un dispositivo desktop, Google interrogherà l'indice del contenuto mobile per trovare la risposta più autorevole e pertinente. La versione mobile del tuo sito diventerà quella principale una volta che l'indice sarà effettivamente in uso.

Ci sono state molte speculazioni sull'enorme caos che si è scatenato all'indomani del primo annuncio, ma ora abbiamo superato il periodo delle supposizioni e abbiamo in mano i primi dati. I marketer di ricerca devono essere al loro massimo livello per garantire che i loro siti siano ottimizzati per i dispositivi mobili e in posizione privilegiata per trarre vantaggio da questo sviluppo. I cinque suggerimenti riportati di seguito dovrebbero essere gli input essenziali per tutti gli esperti di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) quando entreremo completamente nell'era del Mobile First.

Monitora l'attività di scansione di Google

Google invierà una notifica tramite la tua Search Console quando il tuo sito è passato all'indice Mobile First. Questa è una buona notizia, ma i proprietari dei siti vorranno approfondire ulteriormente le attività di scansione di Google in modo più dettagliato, sia prima che dopo il passaggio.

Monitorando i dati del file di registro è possibile vedere come i robot dei motori di ricerca accedono a un sito web e cosa vedono quando arrivano. Ciò contrassegnerà qualsiasi attività effettuata nei contenuti per il mobile ed evidenzierà eventuali discrepanze con le versioni per desktop. Questi pattern potrebbero non essere necessariamente conclusivi, in quanto ci saranno fluttuazioni mentre Google esegue i test. Un aumento dell'attività degli user agent per smartphone potrebbe essere seguito da un calo del numero di URL (localizzatori) visitati ogni giorno mentre Google tenta di calibrare le prestazioni del tuo sito.

Detto questo, sappiamo che Google metterà alla prova la prontezza di ciascun sito in una sorta di isolamento, quindi questa analisi ti aiuterà a identificare e risolvere eventuali problemi di scansione osservati. Ad esempio, se ci sono differenze significative nella struttura dei collegamenti delle versioni mobile rispetto a quella per il desktop, questo sarà elemento essenziale di valutazione da parte di Google e un problema da risolvere per i webmaster.

L'indice Mobile First sta arrivando, quindi è meglio tenerlo d'occhio se vuoi mantenere e aumentare la visibilità quando inevitabilmente scansionerà anche il tuo sito.

torna su

Comprendere il percorso dell'utente mobile

L'attenzione che il pubblico dedica ad una pagina oppure ad un testo è ancora più breve sui dispositivi mobile rispetto al desktop, quindi è fondamentale comprendere il concetto del micro-momento. Durante queste brevi finestre di attenzione, i brand possono coinvolgere i clienti proprio nel momento in cui esprimono il loro desiderio di sapere qualcosa, andare da qualche parte o persino ispirarsi ai contenuti. Ciò richiede che i marchi incontrino gli utenti alla fonte della domanda, che può essere raggiunta solo attraverso una strategia basata sui dati. Incorporando i segnali di intenti nel tuo piano di content marketing, puoi andare oltre le parole chiave per arrivare al cuore di ciò che i tuoi clienti chiedono davvero. Questo scenario di domanda è fondamentalmente diverso sui dispositivi mobili, quindi ogni marchio dovrebbe fare di questa una delle prime considerazioni per il mondo Mobile First.

I dispositivi mobile realizzano e condividono più dati rispetto ai dispositivi desktop, creando nuove opportunità per i contenuti di collaborare con altri canali di marketing per realizzare esperienze mobile innovative. Ciò potrebbe comportare una strategia di ricerca vocale mirata a specifici micro-momenti. Tutti questi dati dovrebbero essere utilizzati per mappare la struttura del percorso dell'utente mobile, che può quindi essere popolato con contenuti sempre più personalizzati.

torna su

Fornire contenuti su misura per i dispositivi mobili

Uno dei grandi errori nell'indice Mobile First è che se hai un sito reattivo, c'è ben poco da fare in preparazione. Per alcuni potrebbe essere questo il caso, ma solo se i tuoi contenuti si rivolgono già a un pubblico di dispositivi mobile. Se i tuoi contenuti sono gli stessi su tutti i dispositivi, non ci sono garanzie che anche le tue classifiche rimarranno stabili. La ricerca di BrightEdge ha rilevato che il 79% delle parole chiave restituisce risultati diversi su dispositivi mobili e desktop, il che indica che gli utenti si aspettano contenuti diversi a seconda del contesto nel quale si trovano ad effettuare la ricerca.

Molti marchi considereranno l'indice mobile-first come un'opportunità per fornire un'esperienza migliore per il proprio pubblico, che potrebbe vederli premiati con classifiche più elevate. Senza necessariamente fare qualcosa di sbagliato, quelli che non spendono il proprio tempo per personalizzare il loro contenuto potrebbero perdere la sfida competitiva. I marketer più sofisticati useranno la loro mappa di viaggio del cliente mobile per individuare le fasi in cui il mobile è alla sua massima importanza. Combinato con l'analisi delle prestazioni attuali dei contenuti su tutti i dispositivi, sarà quindi possibile personalizzare le risorse di contenuto specifiche per le diverse fasi del mobile.

Sui dispositivi mobili, i contenuti devono aiutare gli utenti a raggiungere rapidamente il loro obiettivo. Ciò può significare incorporare applicazioni web progressive in una strategia di contenuto mobile per offrire, ad esempio, l'esperienza più rapida possibile. Inizia con i dati per capire dove si trova e in che cosa consiste la domanda, quindi escogita la strategia più appropriata per soddisfare i clienti. Quelli attuali ma soprattutto quelli che verranno.

torna su

Verificare le basi tecniche

Il migliore contenuto on line non è esentato ancora dal seguire alcune best practice tecniche prima di diventare la risposta perfetta a una query di testo o ad una ricerca vocale. Una rapida lista di controllo per preparare l'indice Mobile First dovrebbe includere:

- Dati strutturati. Questo markup aiuta i motori di ricerca a capire e recuperare i tuoi contenuti, rendendolo uno dei capisaldi di una strategia SEO di successo quest'anno ma anche nell'immediato futuro.

- Verifica del sito mobile. Aggiungi il file robots.txt al tuo sito mobile e verifica con Google Search Console che il contenuto possa essere sottoposto a scansione, se stai ancora utilizzando un sito "m.".

- Hreflang. Assicurati che tutti i tag hreflang sul tuo sito mobile rimandino alle versioni mobili dei tuoi URL.

- Meta-dati. Vale la pena rivisitare i meta-dati per vedere se è possibile ottimizzare per una maggiore percentuale di clic (CTR) su dispositivi mobili.

- Esperienza utente. Analizza i tuoi dati per vedere dove sono i colli di bottiglia nel percorso del tuo sito. Questi tendono a verificarsi quando gli utenti devono attendere molto tempo prima che un sito venga caricato, quando il contenuto è semplicemente troppo lungo per essere letto su uno smartphone o quando devono pizzicare e zoomare per leggere il testo. Ma sono solo alcuni degli esempi che si verificano più frequentemente.

- Prova per la velocità. Utilizza il collaudato test della velocità del sito per dispositivi mobili di Google per identificare le aree che puoi velocizzare. In caso di dubbi sull'ottimizzazione mobile, rendere il sito più veloce.

torna su

Impostare un nuovo quadro di misurazione

I professionisti del marketing devono sapere se il loro contenuto è in linea con le nuove esigenze del web e del SEO che vanno dalla consapevolezza nella ricerca fino alla conversione e alla fidelizzazione dell'utente. Il campo del SEO si sta perfezionando in molte aree, compresa quella della misurazione delle prestazioni. L'indice Mobile First è un'opportunità per introdurre nuove metriche nei rapporti e andare oltre i dati di conversione che fin qui sono stati utilizzati. Attribuendo parte del credito per ogni conversione alle fasi precedenti del percorso di acquisto, è possibile iniziare a comprendere il reale valore di quei micro-momenti nell'attirare nuovi clienti.

In combinazione con metriche come il life-time value del cliente, i marketer possono iniziare a sviluppare un'immagine molto più sfumata del loro pubblico. Questo approccio aiuta anche a integrare il contenuto con altri canali di marketing, il che ne accresce fortemente l'impatto sul pubblico. Ovviamente, resta essenziale pure monitorare le tue classifiche su dispositivi mobili e desktop. La condivisione dell'analisi vocale sia prima che dopo il passaggio all'indice Mobile First rivelerà l'impatto positivo che c'è nel seguire questi pratici suggerimenti per rendere il sito più performante.

torna su

CONCLUSIONI

Il futuro è arrivato e Google si prepara a fare del Mobile First il suo primo e più importante elemento di valutazione per la classificazione dei contenuti non solo della versione mobile ma anche di quella desktop dei siti. Per questo motivo occorre che i marketer e gli esperti di SEO siano preparati ad affrontare questa nuova sfida attrezzandosi con una serie di risorse che saranno sicuramente un valido aiuto. In particolare Jim Yu, esperto della materia, propone cinque soluzioni che i webmaster devono sicuramente imparare a utilizzare. Fra queste ci sono il monitoraggio dell'attività di scansione di Google e la comprensione del percorso che compie l'utente mobile. Inoltre da oggi in poi i contenuti dovranno essere pensati soprattutto in funzione del sito mobile perché sarà questo il primo (e probabilmente unico) device che utilizzerà la maggior parte degli utenti. Infine occhio anche alle best practice tecniche da seguire e all'impostazione di un nuovo livello di misurazione delle performance che dovrà sostituire quello attuale.

torna su
1242 Ultima modifica il 18-05-2018

Vuoi avere informazioni? Lasciaci il tuo contatto.

Veniamo noi da te!

Riempi tutti i campi
Grazie, ti richiameremo appena possibile
* Le tue informazioni personali sono protette. Leggi la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni

logo bianco

Agenzia web per la creazione di siti internet a Firenze.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi web, sui nostri piani di gestione di web marketing e su tutto quello che facciamo, contattaci quando vuoi e saremmo ben lieti di dare una risposta a tutte le tue domande.

Ma per cortesia, evita di copiare i nostri contenuti creativi: sono stati reati nel tempo con fatica e passione. Se hai una agenzia web tutta tua e stai cercando ispirazione contattaci e saremmo ben lieti di aiutarti. Ma non copiare. Il copyright è una cosa seria.