La lista di controllo SEO di 40 punti per le startup

La lista di controllo SEO di 40 punti per le startup
May 11 Scritto da 
Pubblicato in Blog e consigli seo
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le startup non possono permettersi di tralasciare i trucchi SEO quando si tratta di lanciare un nuovo sito, afferma Pratik Dholakiya. Ecco una lista di controllo per aiutarti a rimanere in pista.

Indipendentemente dal fatto che tu stia cercando di rendere pubblico il tuo sito nuovo o di perfezionare il tuo sito con l'ottimizzazione dei motori di ricerca, è importante avere un programma stabilito per assicurarti di non perdere nulla.
A tal fine, abbiamo raccolto 40 fattori che raccomandiamo di integrare nelle liste di controllo per garantire che il tuo SEO rimanga aggiornato.

La seguente lista di controllo tiene conto dei fattori SEO relativi a:

- la tua configurazione del server;
- la tua indicizzazione;
- il tuo contenuto tecnico;
- l'architettura del tuo sito;
- i fattori mobile.

Tieni questa lista a portata di mano la prossima volta che devi valutare il tuo sito.

SEO lato server

Durante il processo di sviluppo di un sito web, è necessario assicurarsi che i problemi relativi a server e hosting siano risolti. Ecco alcune considerazioni a cui prestare attenzione per l'avvio e dopo il lancio.

1. Monitora l'uptime del sito: utilizza uno strumento gratuito di monitoraggio dei tempi di attività come Pingdom o UptimeRobot per verificare che il tempo di attività del tuo sito sia ragionevole. In generale, dovresti mirare a un uptime del 99,999%. Scendere al 99,9% è approssimativo, e scendere al 99% è completamente inaccettabile.

2. Passa a HTTPS: imposta HTTPS il prima possibile nel processo. Più tardi lo fai, più difficile sarà la migrazione. Verificare che il protocollo di trasferimento ipertestuale (HTTP) rimandi sempre al protocollo di trasferimento ipertestuale sicuro (HTTPS) e che questo non porti mai a una pagina 404. Esegui un test SSL per assicurarti che la tua configurazione sia sicura.

3. Formato URL singolo: oltre a garantire che HTTP rimandi sempre a HTTPS, assicurarsi che la versione di URL (www) non www WWW sia utilizzata in esclusiva e che l'alternativa reindirizzi sempre. Assicurarti che tutti i link utilizzino il formato URL appropriato e non reindirizzino.

4. Controlla i tuoi vicini IP: se i tuoi vicini del protocollo internet (IP) mostrano schemi di spam, i filtri antispam di Google potrebbero avere una sensibilità più alta nei confronti del tuo sito. Utilizza uno strumento di vicinato IP per dare un'occhiata a un campione dei siti e cercare eventuali segni di spam. Stiamo parlando di spam diretto qui, non di contenuti di bassa qualità. È una buona idea utilizzare questo strumento su alcuni siti affidabili per avere un'idea di cosa aspettarsi da un sito normale prima di trarre conclusioni.

5. Verifica la presenza di malware: utilizza lo strumento gratuito di Google per verificare la presenza di malware sul tuo sito.

6. Verifica i problemi relativi al DNS: utilizza uno strumento di controllo DNS come quello fornito da Pingdom o Mxtoolbox per identificare eventuali problemi DNS che potrebbero causare difficoltà.

7. Controlla gli errori del server: esegui la scansione del tuo sito con uno strumento come Screaming Frog. Non dovresti trovare alcun reindirizzamento 301 o 302, perché in caso contrario significa che stai collegando a un URL che reindirizza. Aggiorna eventuali link che reindirizzano. Dai la priorità alla rimozione dei link su qualsiasi pagina 404 o 5xx, poiché queste pagine non esistono affatto o sono danneggiate. Blocca 403 pagine (vietate) con robots.txt.

8. Verifica la presenza di noindexing e nofollow: una volta che il tuo sito è pubblico, utilizza un crawler per verificare che nessuna pagina sia involontariamente senza oggetto e che nessuna pagina o link non sia affatto seguito. Il tag noindex indica ai motori di ricerca di non inserire la pagina nell'indice di ricerca, operazione che dovrebbe essere eseguita solo per contenuti duplicati che non si desidera visualizzare nei risultati di ricerca. Il tag nofollow indica ai motori di ricerca di non passare PageRank dalla pagina, cosa che non dovresti mai fare al tuo contenuto.

9. Elimina Soft 404: prova un URL inesistente in un crawler come Screaming Frog. Se la pagina non viene visualizzata come 404, questo è un problema. Google vuole che pagine inesistenti vengano visualizzate come 404 pagine; non dovresti linkare a pagine inesistenti.

Indicizzazione

Analizza il tuo sito attraverso i seguenti punti, sia prima che dopo l'avvio, per assicurarti che le pagine vengano aggiunte rapidamente all'indice di ricerca.

1. Sitemap: verificare che una sitemap XML (markup) eXtensible markup sia disponibile all'indirizzo example.com/sitemap.xml e che la sitemap sia stata caricata su Google Search Console e su Bing Webmaster Tools. La sitemap dovrebbe essere dinamica e aggiornata ogni volta che viene aggiunta una nuova pagina. La mappa del sito deve utilizzare la struttura dell'URL appropriata (HTTP rispetto a HTTPS e www contro non-www) e questo deve essere coerente. Non vuoi nessun 404 o 301 qui. Utilizzare il validatore del W3C per assicurarti che il codice sitemap sia validato correttamente.

2. Cache di Google: visualizza la cache di Google del tuo sito utilizzando un URL come:

http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:[your here here.

Questo ti mostrerà come Google vede il tuo sito. Naviga nella cache per vedere se mancano elementi importanti in qualunque pagina.

3. Pagine indicizzate: usa il sito Google esempio.com per vedere se il numero totale di risultati restituiti corrisponde al database. Se il numero è basso, significa che alcune pagine non vengono indicizzate. Se il numero è elevato, significa che è necessario risolvere i problemi di contenuto duplicato. Sebbene questo numero sia raramente identico al 100 per cento, è necessario affrontare qualsiasi discrepanza.

4. Feed RSS: mentre i feed di indice del sito (RSS) non sono più utilizzati dalla popolazione generale, i feed RSS vengono spesso utilizzati dai crawler e possono raccogliere ulteriori collegamenti, utili per l'indicizzazione. Includi un rel=alternative per indicare il feed RSS nel codice sorgente e verifica che il feed RSS funzioni correttamente.

5. Pubblicazione di social media: utilizza Social Media Auto Publish per WordPress, per il tuo blog o qualsiasi sezione del tuo sito che viene regolarmente aggiornata, purché il contenuto di quella sezione sia adatto per i social media . La pubblicazione sui social media porta all'esposizione ma aiuta anche a garantire che le pagine vengano indicizzate nei risultati di ricerca.

6. Rich snippet: se utilizzi il markup semantico, verifica che i rich snippet vengano visualizzati correttamente. Se è il caso, convalida il tuo markup per assicurarti che non ci siano errori.

Soddisfare

Metti in atto i processi per garantire che i seguenti problemi vengano gestiti con ogni nuovo contenuto che intendi creare dopo il lancio e controlla ciascuno di questi punti sul tuo sito prima di avviarlo.

1. Titoli mancanti: utilizza un crawler per verificare che ogni pagina del tuo sito abbia un tag title.

2. Lunghezza del titolo: se si utilizza Screaming Frog, ordinare i titoli in base alla lunghezza dei pixel e identificare la lunghezza alla quale i titoli vengono tagliati nei risultati della ricerca. È fondamentale che tutte le informazioni di cui l'utente ha bisogno per identificare l'oggetto della pagina vengano visualizzate prima del punto limite. Prendi nota di titoli particolarmente brevi, poiché probabilmente dovrebbero essere espansi per indirizzare più query di ricerca a lungo termine.

3. Parole chiave per il titolo: assicurati che le eventuali parole chiave principali siano presenti nel tag del titolo. Non ripetere le varianti delle parole chiave nel tag del titolo, considera i sinonimi e posiziona le parole chiave più importanti più vicine all'inizio. Ricorda che l'uso di parole chiave dovrebbe raramente trionfare sull'importanza di un titolo accattivante.

4. Meta description: esegui la scansione del tuo sito per assicurarti di essere a conoscenza di tutte le meta description mancanti. È un'idea sbagliata che ogni pagina abbia bisogno di una descrizione meta, dal momento che ci sono alcuni casi in cui lo snipping automatizzato di Google è in realtà migliore, ad esempio per le pagine con targeting long-tail. Tuttavia, la scelta tra una meta description mancante e una meta presente dovrebbe essere sempre intenzionale. Identifica e rimuovi eventuali meta descrizioni duplicate. Verifica che le meta descrizioni siano più corte di 160 caratteri in modo che non vengano tagliate. Includi le frasi chiave nelle meta descrizioni in modo che vengano visualizzate in grassetto nello snippet.

5. Intestazioni H1: assicurati che tutte le pagine utilizzino un tag dell'intestazione (H1), che non vi siano tag H1 duplicati e che sia presente un solo tag H1 per ogni pagina. Il tuo tag H1 dovrebbe essere trattato in modo simile al tag title, con l'eccezione che non ha una lunghezza massima. È sbagliato pensare che il tuo tag H1 debba essere identico al tuo tag title, anche se ovviamente dovrebbe essere correlato.

6. H2 e altre intestazioni: scansiona il tuo sito e controlla le intestazioni H2 mancanti. Questi sottotitoli non sono sempre necessari, ma le pagine senza di essi potrebbero essere muri di testo difficili da analizzare per gli utenti. Ogni pagina con più di tre brevi paragrafi di testo dovrebbe probabilmente usare un tag H2.

7. Parole chiave: ogni parte del contenuto ha una parola chiave target? A qualsiasi contenuto che al momento non è stata assegnata una parola chiave ufficiale, sarà necessario applicare una ricerca per parole chiave.

8. Testo alternativo: le immagini non decorative devono sempre utilizzare il testo alternativo per identificare il contenuto dell'immagine. Utilizza parole chiave che identificano l'immagine stessa, non il resto del contenuto. Tieni presente che l'alt-text è inteso come una vera alternativa all'immagine, utilizzata da utenti ipovedenti e browser che non possono eseguire il rendering dell'immagine. Il testo alternativo dovrebbe sempre avere un senso. Il testo alternativo non è per immagini decorative come i bordi, ma solo per le immagini che servono come contenuto o interfaccia.

Architettura del sito

È sempre meglio gestire l'architettura del sito il prima possibile nel processo di avvio, ma queste sono considerazioni importanti che è necessario prendere in considerazione anche se è già stato pubblicato.

1. Collegamenti logo: verifica che il logo nel menu principale rimandi alla homepage e che questo avvenga per ogni sezione del sito.

2. Testo di ancoraggio di navigazione: il testo di ancoraggio di navigazione deve utilizzare parole ma deve essere abbastanza breve da funzionare per la navigazione. Evita i menu con un lungo testo di ancoraggio ed evita frasi ripetitive. Ad esempio, un menu a discesa non dovrebbe elencare "mele Fuji, mele Golden Delicious, mele Granny Smith, mele Gala" e così via. Invece, la categoria del menu in alto dovrebbe essere "Mele" e il menu a discesa dovrebbe solo elencare le mele per tipo.

3. Collegamenti esterni: i collegamenti ad altri siti nella tua navigazione principale, o altrimenti elencati in ogni pagina, possono essere interpretati come un segnale di spam dai motori di ricerca. È fondamentale che qualsiasi link sponsorizzato utilizzi un attributo nofollow.

4. Pagine orfane: incrocia i tuoi dati di scansione con il tuo database per assicurarti che non ci siano pagine orfane. Una pagina orfana è un URL che non è raggiungibile da alcun link sul tuo sito. Si noti che questo è diverso da una pagina 404, che semplicemente non esiste ma potrebbe avere collegamenti che puntano ad essa. Le pagine orfane possono anche essere considerate "pagine doorway" interpretate come spam.

5. Sottocartelle: le sottocartelle URL devono seguire una gerarchia logica che corrisponda alla gerarchia di navigazione del sito. Ogni pagina dovrebbe avere un solo URL, il che significa che non dovrebbe mai appartenere a più di una categoria o sottocategoria contraddittoria.

6. Profondità del link: le pagine importanti, come quelle che hanno come target le parole chiave migliori, non dovrebbero essere più profonde di due livelli e dovrebbero idealmente essere raggiungibili direttamente dalla homepage. Puoi controllare la profondità del link in Screaming Frog con "Crawl depth".

7. Gerarchia: mentre le pagine dovrebbero essere accessibili dalla homepage con un numero limitato di clic, ciò non significa che il tuo sito debba avere un'architettura completamente piatta. Le tue categorie principali dovrebbero essere raggiungibili dalla homepage e ogni pagina successiva dovrebbe essere raggiungibile da quelle pagine di categoria, seguite dalle sottocategorie e così via.

8. Nessuna impaginazione JavaScript: ogni singolo contenuto dovrebbe avere un singolo URL. In nessun caso un utente può navigare in una pagina senza modificare l'URL del browser. Oltre a rendere l'indicizzazione molto difficile o impossibile per i motori di ricerca, questo rende impossibile agli utenti di collegarsi direttamente a una pagina trovata utile.

9. Variabili URL: le variabili URL come "? Sort = ascending" non devono essere aggiunte alla fine degli URL che sono indicizzati nei motori di ricerca, perché creano contenuti duplicati.

10. Collegamento contestuale: Google ha dichiarato che i collegamenti editoriali incorporati nel conteggio dei contenuti sono più che link all'interno della navigazione. Le migliori pratiche suggeriscono di aggiungere del testo descrittivo attorno al link, i collegamenti interni del tuo sito avranno più valore se includi link contestuali.

Mobile

Ogni startup moderna dovrebbe iniziare subito con un'interfaccia e un'infrastruttura ottimizzate per i dispositivi mobile. Attua quanto segue prima possibile.

1. Test di Google Mobile-friendly: esegui il test di Google Mobile-friendly per identificare eventuali problemi che rileva nel modo in cui gli utenti navigano il tuo sito mobile.

2. Implementare la progettazione responsive: il tuo sito dovrebbe essere reattivo, il che significa che funzionerà correttamente e avrà un aspetto estetico per gli utenti, indipendentemente dal dispositivo dal quale stanno accedendo al tuo sito. Per ottenrlo cerca un template "responsive". I responsive template sono disponibili per quasi tutte le piattaforme anche gratuitamente. Elimina qualsiasi elemento visivo estraneo che non è necessario vedere da un dispositivo mobile.

3. JavaScript e Flash: verifica che le tue pagine funzionino correttamente senza JavaScript o Flash. Usa il tuo crawler per identificare le pagine che fanno riferimento a file .swf e .js, visita queste pagine utilizzando un browser con JavaScript disabilitato e senza Adobe Flash installato. Se queste pagine non sono completamente funzionanti, dovranno essere rielaborate. Flash in generale dovrebbe essere completamente sostituito con fogli di stile CSS (CSS). JavaScript deve essere usato solo per modificare dinamicamente gli elementi HTML.

4. Navigazione responsive: verifica che i menu a discesa siano funzionanti su dispositivi mobili e che la larghezza del testo non li renda difficili da utilizzare.

5. Immagini responsive: anche alcuni responsive template possono perdere la capacità di risposta quando vengono introdotte immagini di grandi dimensioni. Ad esempio, inserendo il seguente codice tra i tag, le dimensioni delle immagini verranno ridotte se la finestra del browser è troppo piccola per l'immagine:

img {larghezza: 100%;
altezza: auto;}

6. Video responsive: i video possono utilizzare responsive template. Ad esempio, se utilizzi il tag video HTML, inserendo il seguente codice tra i tag i tuoi video verranno ridimensionati con la finestra del browser:

video {larghezza massima: 100%;
altezza: auto;}

7. Interstitial e pop-up: verifica che tutti i popup o interstitial che utilizzi siano completamente compatibili con qualsiasi dispositivo e prendi in considerazione la possibilità di bloccarli per dispositivi al di sotto di una certa larghezza di pixel. Dovrebbe essere sempre possibile chiudere un interstitial o pop-up e le dimensioni dei pulsanti dovrebbero essere sempre ragionevoli per un'interfaccia touch.

Etichettato sotto :
941 Ultima modifica il %PM, %13 %882 %2018
ProgettoWebFirenze

Da ormai oltre 10 anni combatto al fianco dei clienti la dura battaglia per l'indicizzazione dei loro siti web.

Dopo studi di economia e marketing, ho lavorato per qualche tempo presso una agenzia SEO di New York dove ho appreso i primi segreti, gioito per i primi successi e imparato dai primi fallimenti

Oggi, a distanza di qualche anno, ho fondato ProgettoWebFirenze, agenzia di produzione e indicizzazione di siti web a Firenze: tra sviluppatori, grafici, SEO e commerciali siamo ormai in molti e continuiamo a crescere.

Questo è il mio (nostro) blog dove raccogliamo notizie, consigli pareri e qualche sciocchezza sul argomenti come il web design, la SEO ed il web marketing in generale.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Vuoi avere informazioni? Lasciaci il tuo contatto.

Veniamo noi da te!

Riempi tutti i campi
Grazie, ti richiameremo appena possibile
* Le tue informazioni personali sono protette. Leggi la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni

logo bianco

Agenzia web per la creazione di siti internet a Firenze.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi web, sui nostri piani di gestione di web marketing e su tutto quello che facciamo, contattaci quando vuoi e saremmo ben lieti di dare una risposta a tutte le tue domande.

Ma per cortesia, evita di copiare i nostri contenuti creativi: sono stati reati nel tempo con fatica e passione. Se hai una agenzia web tutta tua e stai cercando ispirazione contattaci e saremmo ben lieti di aiutarti. Ma non copiare. Il copyright è una cosa seria.