Come costruire una strategia SEO di e-commerce per i rivenditori

Come costruire una strategia SEO di e-commerce per i rivenditori
Aug 14 Scritto da 
Pubblicato in Blog e consigli seo
Vota questo articolo
(0 Voti)

Abstract

Tre fattori meritano un'attenzione particolare nello sviluppo di una strategia SEO per i rivenditori online. L'esperto Manish Dudharejia condivide il suo modo di affrontare la competizione utilizzando ciascuno di essi. 

I rivenditori online affrontano tutta una serie di aspetti relativi all'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) che la maggior parte degli altri siti web non tratta. La maggior parte delle discussioni su tali differenze si concentra su problemi come i tag, i localizzatori di risorse uniformi (URL), la struttura dei collegamenti, il contenuto duplicato e così via. In questo post, però, l'obiettivo è piuttosto quello di iniziare a parlare di approcci strategici.

Sono tre i fattori che meritano un'attenzione particolare nello sviluppo di una strategia SEO per i rivenditori online: ricerca di parole chiave, scansione mobile e recensioni dei clienti. Questo non è affatto un elenco esauriente, ma è un utile punto di partenza.

 

Ricerca per parole chiave long-tail

Per creare una solida strategia di keywoords per il tuo sito di e-commerce, dovrai determinare l'importanza delle parole chiave long-tail per il tuo settore e i tuoi prodotti nonché in che misura concentrarti su di esse.

Molti SEO hanno ancora l'impressione che le parole chiave a lungo termine siano semplicemente frasi di parole chiave più lunghe o varianti di parole chiave elencate nella parte inferiore degli strumenti quando si lavora sul traffico organico.

Quest'idea è fondamentalmente scorretta.

Le parole chiave a coda lunga sono frasi di parole chiave che:

  • non verranno visualizzate in nessuno strumento per le parole chiave;
  • verranno visualizzate solo in Google Analytics e nella Search Console di Google (se possibile);
  • singolarmente hanno poco traffico;
  • a volte non vengono cercate più di una volta;
  • creano la maggior parte del traffico di ricerca sul web.

Una strategia per le parole chiave puramente a coda breve si concentra interamente sulle parole chiave che potrai trovare negli strumenti per le parole chiave. Una pura strategia long-tail è invece focalizzata sull'affrontare argomenti, domande e problemi di cui il tuo pubblico è interessato e chiarire quelli in modo esauriente così da poter catturare il maggior numero possibile di questi tipi di query a coda lunga. 

Ad esempio, diamo un'occhiata ai consigli di Google Keyword Planner per "fiori".

Le parole chiave a coda corta si presentano in prima battuta: 

raccomandazioni short tail per la keyword flowers

Le parole chiave a coda media sono quelle che puoi trovare negli strumenti per le parole chiave quando esegui l'ordinamento in base a traffico, stagionalità o nicchia, ad esempio: 

scelta di keywords long tail per fiori

Catturare il vero traffico a coda lunga non significa solo lavorare su queste frasi di coda media nei tuoi contenuti. Si tratta di esplorare a fondo queste domande più profonde e di affrontarle in modo tale da rispondere a quasi tutte le domande prevedibili che qualcuno potrebbe porre sull'argomento.

Le parole chiave di coda corta tendono ad essere associate a pagine di prodotto, pagine di destinazione, post di blog indirizzati a query specifiche e contenuti associati, mentre le parole chiave a coda lunga tendono ad essere associate a contenuti e guide di blog. 

La maggior parte delle buone strategie affronteranno entrambi in una certa misura, ma è importante capire quanto è lungo il ciclo di vita del cliente, quanto è importante la fedeltà al marchio e la fidelizzazione dei clienti e così via, per dare la priorità a come approcci alla tua strategia per le parole chiave.

Ricerca vocale

L'aumento della ricerca vocale è una considerazione importante che è strettamente correlata alla long-tail. Man mano che più consumatori usano i loro telefoni per condurre ricerche, molti di loro stanno cercando con domande simili a conversazioni, invece di digitare semplicemente alcune delle parole chiave più rilevanti e premere "invio".

Mentre Google Hummingbird ha rinnovato il motore di ricerca specificamente per interpretare meglio questo tipo di query, l'importanza della ricerca conversazionale non è qualcosa che i SEO dovrebbero ignorare mentre sviluppano e perfezionano le loro strategie.

Le decisioni prese qui rispecchiano spesso quelle di una strategia long-tail, al contrario di una strategia short-tail, ma dovrai anche prendere in considerazione elementi relativi al comportamento mobile vs. desktop. Ad esempio, poiché gli acquirenti tendono a navigare sui dispositivi mobili ma acquistano sul desktop, è più probabile che le pagine dei prodotti vengano visitate da un desktop. 

preferenze di acuisto desktop e mobile

La specificità della lingua è anche qualcosa che potrebbe separare diversi segmenti di pubblico alla ricerca di informazioni su argomenti simili - ad esempio, gergo contro linguaggio comune. Qualcuno che conosce il gergo è probabilmente meno propenso a utilizzare una query di conversazione, mentre i laici hanno maggiori probabilità di essere più informali con il loro linguaggio e potrebbe essere necessario regolare i tag del titolo in modo che siano più colloquiali.

Ricerca dei concorrenti

In che misura dovresti mirare alle parole chiave del tuo concorrente?

Mentre virtualmente qualsiasi solida strategia SEO implicherà la ricerca di altri siti per trovare idee per le parole chiave, una strategia che si basa troppo sul fare ciò si tradurrà in un fallimento nel promuovere efficacemente la tua proposta di vendita unica e targetizzare parole chiave che i tuoi concorrenti non hanno ancora provato.

Nella vendita al dettaglio, è necessario andare più in profondità delle semplici strategie di parole chiave copycat se si desidera che le pagine dei prodotti funzionino correttamente. A meno che tu non stia vendendo prodotti esclusivi, poiché altri rivenditori vendono gli stessi prodotti, dovrai utilizzare varianti di parole chiave univoche; in caso contrario, i motori di ricerca non avranno motivo di classificarti sulle stesse società.

Potresti anche voler pensare al cross-industry e identificare le parole chiave che nessuno dei tuoi concorrenti sta utilizzando ma che si applicano ancora ai tuoi prodotti, in particolare i mix di parole chiave che sono più in linea con la tua proposta di vendita.

Supponiamo, per esempio, di vendere un filtro per l'acqua attento all'ambiente. Oltre a guardare le parole chiave che altre società di filtri per l'acqua stavano prendendo di mira, avrebbe senso guardare le parole chiave che altre società ambientalmente consapevoli stavano prendendo di mira, anche se quelle marche non vendono filtri per l'acqua.

Poiché la sovrapposizione diretta con le parole chiave del prodotto sarà rara, il posto migliore dove rivolgersi è un blog. In questo caso, vorremmo rivolgerci a un blog attento all'ambiente come Treehugger.com. Potremmo quindi eseguire il dominio tramite uno strumento per le parole chiave: 

ricerca concorrenti

E dai un'occhiata alle parole chiave per le quali classifica: 

ricerca parole chiave 

Da qui diventerebbe evidente che i "consigli per la giornata della terra" sarebbero una buona opportunità per un post sul blog in cui discutere il filtro dell'acqua rispettoso dell'ambiente sarebbe una scelta naturale.

Crawling mobile

A partire da agosto 2017, il 57% del traffico sul web proviene da smartphone e tablet anziché da desktop e le classifiche per ciascuno sono diverse nell'80% delle volte. Prendere decisioni strategiche su come ti avvicini al SEO mobile è assolutamente vitale.

Ecco alcune domande e risposte da prendere in considerazione.

Domanda: quale percentuale del tuo traffico proviene da dispositivi mobili rispetto a desktop e come varia questo per ciascun mercato e area geografica?

Se i tuoi principali utenti sono ancora su un desktop, la tua strategia SEO sarà enormemente influenzata da ciò rispetto alla maggior parte dei rivenditori che dovrebbero sviluppare strategie mobile-first. 

google analytics: traffico per dispositivo

Domanda: sei pronto per l'indicizzazione mobile-first?

Su questo Google ti avrebbe dovuto informare tramite la tua Search Console. Se si utilizza l'indice mobile-first, significa che la versione mobile del sito è quella utilizzata per determinare i risultati di ricerca, il che significa che la versione desktop del sito è completamente irrilevante per la ricerca. Le implicazioni strategiche sono enormi.

Domanda: stai ancora utilizzando una versione mobile del sito separate dalla versione desktop?

Questo metodo non è più consigliabile, in parte a causa dell'indicizzazione mobile-first ma anche perché la maggior parte degli utenti si aspetta di fare le stesse cose sul proprio telefono e sul proprio desktop. Se c'è una disconnessione, la maggior parte degli utenti sarà irritata.

Detto questo, alcuni elementi potrebbero essere impossibili da rendere utilizzabili su dispositivi mobili o richiederanno un notevole sviluppo da implementare. È importante valutare realmente gli usi principali qui per determinare quali elementi dovrebbero essere reattivi e quali, se presenti, dovrebbero essere dipendenti dallo schermo.

Domanda: AMP è adatto al tuo sito web e al tuo business?

Le pagine mobile accelerate (AMP) velocizzano il tempo di caricamento e riducono il carico del server, ma lo fanno alimentando le informazioni dalla cache di Google e limitando le tue capacità di analisi.

AMP può essere adatto per alcuni siti, ma i siti di e-commerce con caratteristiche uniche e pagine altamente dinamiche non dovrebbero essere accessibili dalla cache, quindi potrebbe non essere una buona idea. Ciò significa che funzionalità importanti come i consigli sui prodotti nei checkout di pagine di prodotto, moduli, accessi e test di divisione (A/B) non funzionano. Anche la maggior parte delle integrazioni di terze parti falliranno e Google ha confermato che AMP non è un fattore di ranking.

Recensioni dei clienti

Mentre le recensioni dei clienti non sono qualcosa di cui i SEO hanno il controllo diretto, le recensioni hanno un impatto importante sul SEO e la strategia di marketing digitale può certamente influenzare le recensioni.

Considera quanto segue.

1. Recensioni su piattaforme di terze parti

Piattaforme come Trustpilot, che automatizzano il processo di raccolta delle recensioni e possono influenzare indirettamente il posizionamento nei motori di ricerca. Queste pagine di terze parti possono anche aiutare il potenziale della pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP). Questi siti raccolgono valutazioni a stelle che hanno una forte influenza sull'immagine del tuo marchio: 

recensioni su piattaforme esterne 

2. Il marchio parla di social media

Le menzioni portano a contenuti generati dagli utenti e all'autorità del marchio, che possono influire sulle prestazioni del tuo motore di ricerca. Monitorare queste conversazioni e prenderne parte è una parte cruciale del SEO moderno.

Garry Illyes di Google ha menzionato questo segnale di fiducia in particolare durante un keynote di BrightonSEO nel settembre 2017:

"fondamentalmente, se pubblichi contenuti di alta qualità che sono molto citati su internet - e non sto parlando solo di link, ma menzioni anche sui social network e le persone che parlano del tuo branding, allora stai andando alla grande."

Duane Forrester, in precedenza con Bing, ha confermato che le menzioni del marchio possono essere utili come link durante una sessione a SMX West 2016:

"anni fa, Bing ha capito il contesto e il sentimento di tono, e come associare le menzioni senza un collegamento. Man mano che il volume cresce e l'attendibilità di questa menzione è nota, si otterrà un bernoccolo in classifica come prova."

3. Sollecitazioni in loco sollecitate

Mentre siti come Yelp scoraggiano a sollecitare recensioni sulle loro piattaforme, Amazon apprezza le recensioni dei loro clienti e i rivenditori che vogliono avere successo dovrebbero seguirne l'esempio.

Con il markup semantico appropriato, questo genera valutazioni positive nei risultati di ricerca che migliorano le percentuali di clic e hanno dimostrato di collegarsi direttamente o indirettamente a classifiche positive. Le revisioni generate dagli utenti aumentano notevolmente le conversioni nella maggior parte dei casi.

Gli studi mostrano una correlazione significativa tra le recensioni locali e il traffico dei motori di ricerca, da Yotpo: 

recensioni e posizionamento 

Conclusione

La strategia SEO è formata dal tuo settore, dalla proposta di vendita esclusiva e dalla posizione di mercato. È importante ricordare che il SEO non è e non può essere un approccio al marketing basato su modelli. Utilizza queste considerazioni come punto di partenza per affinare la tua strategia e affrontare la competizione.

322 Ultima modifica il 16-09-2018

Vuoi avere informazioni? Lasciaci il tuo contatto.

Veniamo noi da te!

Riempi tutti i campi
Grazie, ti richiameremo appena possibile
* Le tue informazioni personali sono protette. Leggi la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni

logo bianco

Agenzia web per la creazione di siti internet a Firenze.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi web, sui nostri piani di gestione di web marketing e su tutto quello che facciamo, contattaci quando vuoi e saremmo ben lieti di dare una risposta a tutte le tue domande.

Ma per cortesia, evita di copiare i nostri contenuti creativi: sono stati reati nel tempo con fatica e passione. Se hai una agenzia web tutta tua e stai cercando ispirazione contattaci e saremmo ben lieti di aiutarti. Ma non copiare. Il copyright è una cosa seria.