Google Shopping: strategie per i piccoli ecommerce

Google Shopping: strategie per i piccoli ecommerce
Mar 09 Scritto da 
Pubblicato in Web marketing
Vota questo articolo
(0 Voti)

Credi di essere troppo piccolo per trarre vantaggio dalle campagne di Google Shopping? Ripensaci! Ecco alcuni consigli ai piccoli rivenditori per cercare di migliorare le proprie schede prodotto. 

Per un piccolo rivenditore di nicchia, può sembrare scoraggiante e quasi inutile investire troppo pesantemente in Google Shopping. Dopo tutto, come si potrebbe mai competere con i grandi colossi del settore che hanno molto più denaro, prodotti e personale? Ebbene, la buona notizia è che è possibile essere competitivi in Google Shopping anche essendo una piccola impresa. In realtà, se utilizzato bene, Google Shopping può effettivamente essere la piattaforma di advertising digitale più efficace in termini di ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS). Ecco quindi le strategie migliori che un piccolo rivenditore può utilizzare in Google Shopping.

1. Focalizzati sulla tua nicchia

Un piccolo rivenditore probabilmente venderà pochi prodotti molto specifici. Proprio questa esclusività oppure il fatto di distribuire brand emergenti costituiscono la tua forza e il tuo tratto distintivo. Vendere prodotti che non sono venduti da Amazon e da altri grandi rivenditori vuol dire avere meno concorrenza e comparire con più facilità in Google Shopping per le ricerche pertinenti. La situazione è ancora più favorevole se vendete prodotti a vostro marchio e siete, quindi, gli unici distributori. Mettete a fuochi i mercati di nicchia, i brand emergenti e poco conosciuti e cercate di averne l'esclusiva. 

2. Segmenta la tua campagna in modo efficace

La chiave per la creazione di campagne Google Shopping di successo deve essere quella di raggiungere le persone che hanno una maggiore propensione di spesa. La strategia migliore dovrebbe essere quella di lasciare il traffico generico ai concorrenti e concentrarsi su quello che, invece, garantisce la più alta conversione per il vostro business. La segmentazione delle campagne serve proprio a questo e permette di impostare gli importi delle offerte in modo correlato alle intenzioni del cliente. 

3. Usa un linguaggio naturale nei titoli dei prodotti

Se sei un rivenditore che distribuisce nuovi brand e marche poco conosciute, è improbabile che si otterrà un elevato livello di traffico grazie al nome specifico del brand distribuito. Invece, è più sensato cercare di attirare l'attenzione degli utenti utilizzando un linguaggio molto naturale nel titolo delle schede prodotto. Un consiglio può essere quello di farsi aiutare dalla lista delle parole più ricercate in Google e individuare quelle più vicine al proprio prodotto che, poi, saranno inserite con naturalezza nel testo titolo. Questa tecnica aiuterà Google a far emergere i tuoi prodotti quando si tratterà di ricerche correlate alle vostre query, facendo aumentare le richieste anche in assenza di modifica delle tue offerte. 

4. Usa la geo-localizzazione

Un altro modo per assicurarsi che i tuoi annunci stanno raggiungendo gli utenti più propensi all'acquisto è quello di usare la geo-localizzazione. Ovviamente, il primo passo è fare in modo che la pubblicità raggiunga solo le persone che si trovano in una delle aree in cui la consegna a domicilio è possibile. Ma è anche possibile utilizzare la geo-localizzazione per fare delle offerte maggiormente alte nelle aree da te ritenute più specifiche. Per esempio, se sei un rivenditore di alta moda, è consigliabile offrire di più per gli annunci illustrati nelle zone ad alto reddito, dove le persone hanno maggiori probabilità di potersi permette i tuoi prodotti. Usa questa mappa del potere di acquisto per determinare dove i tuoi annunci avrebbero l'impatto maggiore e investi maggiormente in quelle aree.

5. Non offrire troppo

Nessuno vuole fare un'offerta maggiore del dovuto. Soprattutto è importante ricordare quando si lavora con budget limitati che semplicemente aumentando il CPC non è possibile ottenere un aumento delle vendite in Google Shopping. Le offerte in Google Shopping funzionano in modo molto diverso dalle offerte PPC tradizionali. Invece di diminuire il ricavo marginale, vi è una curva a S. Sostanzialmente in Google Shopping ci vuole un'offerta minima per far partire l'asta, poi a seguito di piccoli aumenti dell'offerta assistiamo ad un enorme salto di conversioni. Ma, ad un certo punto, l'offerta diviene troppo alta e si abbassano i tassi di conversione. Quando l'offerta è troppo alta, significa che Google sta mostrando i tuoi prodotti per query molto generiche che difficilmente subiscono una conversione. Per questo motivo Google Shopping va seguito con attenzione, utilizzando un sistema di test incrementale con piccoli aumenti nelle offerte, giusto per vedere la reazione degli utenti. Se non si ha il tempo per testare manualmente tutte le offerte, si dovrebbe investire in uno strumento in grado di automatizzare questo processo. In caso di dubbio è meglio ricorrere ad altre tecniche come la geo-localizzazione, le liste RLSA, la segmentazione della campagna piuttosto che tentare di battere i colossi del settore attraverso aumentando il CPC di base.

6. Diminuisci i tuoi prezzi

Se alcuni dei tuoi prodotti e dei tuoi brand sono venduti anche da altri concorrenti, spesso si ottiene di più da Google Shopping riducendo i prezzi che aumentando le offerte. Questo consiglio può sembrare un po' controcorrente ma ha a che fare con l'algoritmo di Google per la selezione dei prodotti da mostrare. Nel tentativo di rendere Google Shopping più attraente per gli acquirenti online, Google sembra avere ciò che noi chiamiamo un "pregiudizio da basso prezzo." Ciò significa che, data la scelta tra due prodotti, Google quasi sempre sceglierà di mostrare il più economico dei due, anche se il prodotto più costoso ha un'offerta più alta. Infatti, se i tuoi prodotti sono troppo costosi, Google può rifiutare di mostrarli a tutti. Secondo Google, il loro algoritmo non favorisce i prodotti più economici. Piuttosto, si applica un algoritmo di apprendimento automatico che reagisce a ciò che gli utenti vogliono o meno. In questo caso, gli utenti apparentemente non amano i prezzi elevati e, di conseguenza, l'algoritmo sceglie prodotti di prezzo inferiore. In entrambi i casi, la linea di fondo è la stessa: una questione di prezzo. Al fine di competere contro i più grandi rivenditori online, si può prendere in considerazione l'idea di abbassare i prezzi, almeno sugli elementi che si vendono in comune. In realtà, una volta che si ottiene traffico al proprio sito, poi gli utenti spesso finiscono per comprare qualcosa di diverso da quello che inizialmente cliccato. Pensa a questi prodotti a basso prezzo come tiranti per il tuo sito. Una volta che un acquirente è sul tuo sito, si può provare a vendergli un prodotto diverso oppure uno aggiuntivo. 

Gli investimenti intelligenti crescono

Non è necessario fare degli investimenti eccessivamente ingenti perché Google Shopping porti i successi sperati. Prenditi del tempo per affinare la tua strategia e assicurati di saper rispondere a queste domande:

  • Quale prodotto terrà lontana la concorrenza?
  • Quali tipi di query shopper indicano un alto potenziale di conversione?
  • Quali parole/frasi che gli utenti cercano sono grado di descrivere i tuoi prodotti?
  • Dove vivono i tuoi clienti (reali e potenziali) e quali sono le altre aree che hanno caratteristiche demografiche simili?
  • Quanto è lungo il tuo ciclo di conversione? Qual è il lasso di tempo ottimale di attesa prima del retargeting di qualcuno?
  • Quale gamma di offerta è più efficace per i tuoi prodotti?
  • Quanto sono competitivi i tuoi prezzi?

La cosa più importante da ricordare per un piccolo rivenditore di medie dimensioni è quello di concentrarsi su ciò che li rende unici. Questa unicità è il motivo per cui qualcuno dovrebbe scegliere di acquistare da te, in primo luogo, ed è anche ciò che renderà i tuoi annunci in evidenza sia per Google che per gli acquirenti online.Credi di essere troppo piccolo per trarre vantaggio dalle campagne di Google Shopping? Ripensaci! Ecco alcuni consigli ai piccoli rivenditori per cercare di migliorare le proprie schede prodotto. 

Etichettato sotto :
443
ProgettoWebFirenze

Da ormai oltre 10 anni combatto al fianco dei clienti la dura battaglia per l'indicizzazione dei loro siti web.

Dopo studi di economia e marketing, ho lavorato per qualche tempo presso una agenzia SEO di New York dove ho appreso i primi segreti, gioito per i primi successi e imparato dai primi fallimenti

Oggi, a distanza di qualche anno, ho fondato ProgettoWebFirenze, agenzia di produzione e indicizzazione di siti web a Firenze: tra sviluppatori, grafici, SEO e commerciali siamo ormai in molti e continuiamo a crescere.

Questo è il mio (nostro) blog dove raccogliamo notizie, consigli pareri e qualche sciocchezza sul argomenti come il web design, la SEO ed il web marketing in generale.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Vuoi avere informazioni? Lasciaci il tuo contatto.

Veniamo noi da te!

Riempi tutti i campi
Grazie, ti richiameremo appena possibile
* Le tue informazioni personali sono protette. Leggi la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni

logo bianco

Agenzia web per la creazione di siti internet a Firenze.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi web, sui nostri piani di gestione di web marketing e su tutto quello che facciamo, contattaci quando vuoi e saremmo ben lieti di dare una risposta a tutte le tue domande.

Ma per cortesia, evita di copiare i nostri contenuti creativi: sono stati reati nel tempo con fatica e passione. Se hai una agenzia web tutta tua e stai cercando ispirazione contattaci e saremmo ben lieti di aiutarti. Ma non copiare. Il copyright è una cosa seria.